Blog

Il progetto europeo H2020 Waste4Think

By

24 febbraio 2017

Home Box, News, News_ENG

waste4think-logo-h2020HORIZON2020 Waste4Think “Moving towards Life Cycle Thinking by integrating Advanced Waste Management Systems”. ARS ambiente è partner del progetto, con ruolo di coordinatore di alcune del caso pilota italiano, insieme con i 18 membri del partenariato guidato dagli spagnoli di FUNDACION DEUSTO (Fondazione del Politecnico di Bilbao) e comprendente aziende ed enti di Spagna, Grecia, Danimarca, Italia, Germania, Polonia e Portogallo. In Italia è frutto della collaborazione di ARS ambiente, Comune di Seveso, Legambiente Lombardia, Agenzia Innova21  e Softline.

w4t_map

Il progetto ha avuto inizio nel giugno 2016 e avrà una durata di 42 mesi per un budget totale di 10,5 M€, di cui 8,8 M€ contributo dell’Unione Europea. Il kick-off meeting è stato ospitato dal capofila FDEUSTO a Bilbao il 13 e 14 giugno 2016.

waste4think

kick-off-green-1

Considerare i rifiuti urbani come una nuova risorsa e sensibilizzare i cittadini, le aziende e le amministrazioni pubbliche sulla necessità di diminuire l’impatto ambientale delle nostre scelte quotidiane, è lo scopo di Waste4Think. Si tratta di un progetto finanziato nell’ambito del programma Horizon 2020, programma quadro europeo per la ricerca e l’innovazione. 

Il programma prevede diverse azioni nelle quattro aree urbane interessate dalla sperimentazione, coinvolgendo un totale di 300mila abitanti. Le attività in corso vanno dall’introduzione della tariffazione puntuale in base alla produzione dei rifiuti, educazione ambientale nelle scuole e nelle istituzioni locali, recupero del rifiuto organico nell’ottica di una valorizzazione degli scarti come nuova risorsa, promozione dell’utilizzo di pannolini lavabili e impianti innovativi di trattamento per questo tipo di materiali.

Caso pilota italiano è il Comune di Seveso in cui saranno attivate quattro principali linee di azione che riguardano:

  • introduzione della tariffa puntuale per i rifiuti
  • la promozione dell’utilizzo dei pannolini lavabili negli asili e nelle famiglie della città
  • la realizzazione di feste popolari a produzione zero rifiuti, le Eco-Feste in cui saranno introdotte pratiche sostenibili di gestione tra cui  le stoviglie e piatti lavabili
  • attività di educazione e sensibilizzazione della cittadinanza e delle utenze più problematiche, per indurre, in modo divertente, al cambiamento dello stile di vita, improntato alla riduzione della produzione dei rifiuti (Funny door-to-door, concorso famiglie virtuose, etc.)

Gli altri casi pilota in cui saranno sperimentate azioni innovative per la gestione dei rifiuti sono Zamudio in Spagna, Halandri in Grecia e Cascais in Portogallo. 

Per maggiori informazioni: http://waste4think.eu/ 

 I principali impatti attesi

factsheet-w4t-ita

 

La brochure

brochure-pag-1

brochure-pag-2

Il video (ENG)

Tags